Per esempio, da molte ricerche i senior appaiono in buona salute e dediti a frenetiche attività sessuali. L'autrice incontrerà i lettori nel week end, Antologia di poesia di pagg. Se volete saperne di più sul progetto di … Perché Lacan considerava il desiderio come fondamentalmente "desiderio dell’altro", desiderio di amare, ovvero vivere la propria vita provando a rimanere profondamente legati agli altri. Questa riflessione la trovo veramente molto attuale e soprattutto molto, ma molto, psicologica. Comprendi ora? Se leggo tra le parole di questo titolo viene giù l’intera enciclopedia! Impresa un po’ meno complessa se sviluppata intorno a tre semplici idee: vivere in modo attivo la vita, leggere i fatti della propria vita, soprattutto quelli avversi, come un disegno più grande, una mappa con parti ancora da esplorare e, soprattutto, avere un desiderio, una meta da raggiungere. Verranno pubblicati solo quelli utili a tutti e attinenti al contenuto della pagina. Chiaramente l’idea di felicità non può essere pensata come uno stato permanente, stabile, almeno su questa terra! perché non si può dire io felicito, tu feliciti, egli felicita, noi felicitiamo…. poesia haiku italiano/ inglese (Victor Hugo) La felicità è un dono e il trucco è non aspettarlo, ma gioire quando arriva. Sì insomma, non è importante chi l’ha detto, la sostanza è che la felicità ha bisogno di essere coltivata come si fa con le viti, con i fiori, con gli alberi…. Gianni Rodari è nato nel 1920, perciò nel 2020 si festeggiano i 100 anni dalla sua nascita: bambini e adulti possono rileggere le sue poesie, le filastrocche e le frasi, per riflettere, sognare e gustare le rime e i versi.. Gianni Rodari: 9 poesie da leggere i 100 anni dalla nascita Ecco la rosa di poesie e filastrocche, da rileggere insieme. Passate a trovarmi, vi aspetto! “Non mi scoraggio, perchè ogni tantetivo sbagliato scartato è un altro passo avanti.” Possibili obiezioni: ma chi mai si ribella alla felicità o come sopportare il dolore senza rassegnazione? Chissà quante volte abbiamo ascoltato una frase del genere. No, rispose il floricoltore…”. Salve Lalla, intanto la ringrazio dei suoi commenti, in genere non replico, anche perché ha scritto delle cose giuste, soprattutto quando afferma che per stare bene è necessario rimanere legati agli altri. Cimentarsi con il concetto di felicità è certamente impresa molto complessa se affrontata partendo dalle infinite riflessioni che nei secoli sono state proposte su questo bellissimo e delicatissimo concetto. E cosa hai fatto in tutto questo tempo? La demitizzazione, seppur ingenua straordinariamente chirurgica, operata dalla signorina Felicita, suscita nel poeta una breve riflessione sulla gloria: «Oimè! Mi sono perciò convinto che è da infelici parlare di felicità. Sicuramente questo dato fa riflettere. Ho paura che neppure la maestra ti risponderebbe così, però riflettici bene… l’istante è qualcosa che non c’è materialmente ma esiste in quanto incontro sospeso nelle attese e nelle aspettative, generato dalla speranza. In questa frase c’è condensato il vero elisir di felicità, ovvero non immaginare la felicità come un mondo senza problemi, dove non succede per noi nulla di grave e tutto ci va alla grande! Su questo concetto potete leggere anche un mio post dal titolo “Differenza tra bisogno e desiderio” che trovate a questo indirizzo: http://emozioni.blogautore.espresso.repubblica.it/2016/04/08/differenza-tra-bisogno-e-desiderio/. Se vuoi suggerirci una frase o una riflessione scrivici all’indirizzo: scrivimi@piuchepuoi.it o utilizza il modulo della pagina Scrivimi. acquista dal sito editore. Ma come una tendenza, un movimento verso una condizione di vita migliore, più soddisfacente, a tratti felice, ma sempre vissuta in modo dinamico, con gli alti e bassi della vita. Il tema principale del componimento è l’unione dei due sposi ed il germogliare di una nuova vita. Contattare il proprio desiderio di amare vuol dire trovare la meta del nostro viaggio, trovata questa non ci resta che viaggiare, pienamente…, Mi interrogo spesso sulla felicità: quella che avevo, che ho trovato, che ho perso. Ecco guarda, M.me Louis Lévèque fiorisce in maggio e solo in maggio. Ecco vedi caro ti sbagli, la felicità viene da molto, molto vicino. Invece è cruciale. Però mamma spiegami una cosa, prima Madama Luisa, ora Fransà Cieng, ma un amico con un nome normale non ce l’hai? Modifica ), Stai commentando usando il tuo account Twitter. 20 Marzo 2013 . Quando avvio un nuovo percorso terapeutico con una persona mi pongo alcuni obiettivi fondamentali, il primo è naturalmente quello di conoscere la persona, capire il suo disagio e cercare di progettare un percorso per aiutarla. Vedi? La signorina Felicita ovvero la felicità è ritenuto il capolavoro di Guido Gozzano e forse dell’intero Crepuscolarismo.Ve ne diamo l’analisi e il commento. Allora parlare di felicità diventa un rito di propiziazione. Le mie pubblicazioni... tante poesie sugli alberi e altro ancora. Questi due poeti hanno una visione della felicità molto simile e soprattutto ritengono che tale condizione sia raggiungibile solo per pochi attimi, istanti magici in cui la persona scopre un mondo di emozioni fin allora quasi sconosciute. È un film sulla felicità che fa riflettere. Rassegnarsi è piegare passivamente la testa: accettarlo serenamente è comprenderne il valore, il lievito di maturazione che contiene. • concludi il commento esprimendo un tuo giudizio sulla poesia ed esponendo le emozioni, le sensazioni che la lettura ha suscitato in te. Il tema della felicità e dell'aspirazione umana verso di essa è stato trattato da molti poeti, tra cui Giacomo Leopardi ed Eugenio Montale. Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento: Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. FATTORI PRESI IN ESAME –> Per stabilire quanto sei felice, le domande a cui dovrai rispondere sono 18. E’ anche dell’ape per esempio o del passante che può sentirne il profumo…. Il problema è che questo è tanto vero quanto difficile da realizzare. La poesia “Gelsomino notturno” è stata scritta da Pascoliin occasione del matrimonio dell’amico Raffaele Briganti. Attraverso questo componimento Pascoli descrive la prima notte di nozze, un rito di fecondazione che il poeta sente come una violenza inferta alla carne. Essere presenti anche quando si sbuccia una mela… . La Lettera a Meneceo, anche nota come Lettera sulla felicità, è il testo più famoso di Epicuro.. Nelle poche pagine che compongono l'epistola, il filosofo affronta i temi centrali della sua filosofia per quanto riguarda l'etica e la metafisica: la ricerca della felicità, la paura della morte, la natura degli dèi, la classificazione dei piaceri. Per commentare utilizzate un account Google/Gmail. un corridoio basso, / tre ceste, un canterano dell’Impero, / la brutta effigie incorniciata in nero / e sotto il nome di Torquato Tasso!» (vv. Per esempio in questo librino si parla di un floricoltore* che ritorna da un viaggio e parla con un ragazzo, proprio come stiamo facendo io e te. Io dopo tempo, ho capito che la felicità, ma prima ancora la vita, è fatta di incontri che possono lasciarci indifferenti ma anche no. Per fare questo vi è ancora un ingrediente da inserire, ovvero dare una direzione alla propria vita, avere una meta. Quasi tredici, disse il floricoltore. A voler essere sereni richiede una forza sovraumana e il recupero di quel sentimento straordinario dell'"incoscienza" infantile, della capacità di meravigliarsi delle cose del mondo, specialmente delle più semplici. Ecco prova, prova a fare il vento. Non la insegue forsennatamente, ma la accoglie senza dubbi quando arriva. non si può coltivare anche quella come i fiori? 3.43k. Puoi anche fare dei ... Felicità d’essere vivi, e allegri nel vento cogliere tutti gli odori della città e del porto, la frittura, il catrame che bolle4. Insieme l’abbiamo ricostruito, a partire dalle nostre relazioni, perché in … Riprova. La metodologia di una ricerca può sembrare un argomento che interessa solo gli addetti ai lavori. Verifica dell'e-mail non riuscita. Delle sue 50 regole per la felicità, ne abbiamo selezionate 10 che potrebbero rivelarsi preziose per voi. Quest’anno quando fiorirà non mi perderò lo spettacolo per niente al mondo: sono due anni che aspetto e la curo e mi pungo senza vederla sbocciare! Beh ma sono seria! 165-168). E così è per il dolore. Oggi sono in un piccolo giardino incantato, si tiene in tasca, sono appena una ventina di pagine, scritte in caratteri così piccoli che somigliano ai nontiscordardimè: Breve dialogo sulla felicità. Ecco in un certo senso sì… io accudisco le mie rose per tutto l’anno: le poto, tolgo le erbacce, le concimo, le tratto quando sono malate, le innaffio, ma loro, le rose, fioriscono solo quando è il momento e io, per godere della loro fioritura, devo essere presente. Allora avevo ragione che si può parlare con le formiche! Come lo scetticismo che mette in dubbio la felicità, mentre la stiamo vivendo. (fascia di età: 5-10 anni) Fiaba moderna che introduce il tema del processo di individuazione e accompagna alla necessaria iniziale scoperta di sé attraverso la fiducia, il coraggio e l'attesa. Pertanto proseguendo con la navigazione si presta il consenso all'uso dei cookie. Poi troviamo gli stessi senior negli ambulatori medici o negli ospedali a fare esami clinici che le statistiche definiscono eccessivi. Se volete saperne di più sul progetto di Frank Iodice andate a trovarlo sul suo sito. E già: essere sereni… Anche questa, sì, è una piccola felicità, ma non è solo mia. Ti parlavo ancora prima che tu fossi nella mia pancia e non ho mai smesso di credere che prima o poi ti avrei visto, anche se tutto faceva temere il contrario. RIGUARDO IL QUIZ –> Chiamiamo questo quiz “test sulla felicità” e non test sulla tristezza, perché può aiutarti a misurare a che punto sei nel tuo viaggio verso la felicità, e in particolar modo può indicarti qual è la strada giusta per raggiungerla. Come la disperazione, sempre in agguato quando siamo nel dolore. Infine essere tenaci nella speranza. Ognuno di noi la cerca disperatamente nell'arco della sua vita. Anche la felicità viene dal verbo greco phyo che vuol dire produco. Mi interrogo spesso sulla felicità: quella che avevo, che ho trovato, che ho perso. Perché io ti sembro normale? Ma perché tutte le cose belle vengono da così lontano mamma? Ora andiamo in giardino così finisco di leggere. La felicità si vive, non si descrive, finché si è dentro; se si vuole raccontarla, si è già fuori. Non le elenco neppure. Nel rispetto del provvedimento emanato, in data 8 maggio 2014, dal garante per la protezione dei dati personali, si avvisano i lettori che questo sito si serve dei cookie per fornire servizi e per effettuare analisi statistiche completamente anonime. Grazie, Si perde un po' tanto il desiderio dell' altro se sei concentrato nell'analisi individuale ma x guarire bisogna restare legati agli altri alle relazioni sane è una vera lotta nella depressione il nn chiudersi x proteggersi la nicchia uterina x rinascere poi tutte le volte ! Ci sono tante occasioni di felicità: nei contatti di amicizia, nella contemplazione del bello, nella comunicazione improvvisa e a livello profondo che si instaura con una persona sconosciuta sino a poco prima, nella lettura di un testo capace di trasmetterci emozioni e suggestioni, quando ci viene tributato il riconoscimento per un lavoro ben fatto o la gratitudine per un gesto d’amore. [i] Allora questo istante è nostro perché lo abbiamo coltivato assieme. Riflessioni indispensabili per chi si occupa di relazioni d'aiuto ma non solo . E anche se cerchiamo di accaparrarcene più di quanto ce ne spetta: a quel punto è già diventato piacere del possesso. Sappiamo bene, però, che una semplice definizione non riesce a racchiudere in sé tutto il significato di questo stato d’animo. “Sono abbastanza soddisfatto di quanto ho realizzato, ma vorrei un po’ di pace, mi accontenterei di essere sereno”. Lo scorso anno non ho potuto vederla fiorire perché ero in ospedale e neppure tu perché eri dai nonni. ( Chiudi sessione /  Allora, a mio avviso, la felicità ha a che fare proprio con questo concetto, ovvero essere felici significa attivare le risorse psichiche per affrontare le avversità della vita piuttosto che sperare che non ci succeda mai nulla di grave. Per capire qual è questa meta non servono grandi manovre ma, al contrario, provare a spogliarsi di tutte le sovrastrutture che la nostra società, soprattutto quella ipermoderna, ci pone come meta ultima delle nostra esistenza (la ricchezza, la bellezza, il successo a tutti i costi e mille altre cose…) e contattare un solo elemento, fondamentale, profondo, ovvero il proprio desiderio. Ci ribelliamo alla felicità quando non ci adagiamo serenamente in essa, e mentre la proviamo già ci chiediamo: “Quanto durerà?”. La suprema felicità della vita è essere amati per quello che si è o, meglio, essere amati a dispetto di quello che si è. La felicità paradossale dei santi. Immaginarla, al contrario, come un obiettivo della propria vita, un obiettivo faticoso, ma realizzabile, partendo da un vissuto fondamentale: essere al centro della propria storia, un attore principale invece di sentirci come un agente passivo, delegante, sfortunato, che subisce le avversità della vita, in una parola: debole tra i forti…. Tema sulla felicità ... Scrivi un commento I commenti dovranno prima essere approvati da un amministratore. Spesso leggo dei suggerimenti, del tutto comprensibili a dire il vero, del tipo che per essere felici bisogna accettare ciò che ci accade nella vita. In questo periodo di incertezza politica e finanziaria, Stampa Alternativa pubblica Lettera sulla felicità di Epicuro a sole 1000 lire (50 centesimi): un libricino che, oltre a voler essere (forse) un balsamo per quegli anni duri, è stato sicuramente la scintilla di una rivoluzione commerciale in ambito editoriale. Frasi sulla felicità . Poesie sulla Felicità: le 15 più belle ed emozionanti La felicità è una sensazione che un po’ tutti cerchiamo costantemente, ma che per certi versi la possiamo trovare solo smettendo di cercarla. Il vocabolario la definisce come “assenza di turbamento interpretabile come limpida armonia spirituale”. Pascoliattraverso i suoi versi trasmette la sua inquietezza e la sua infelicità nei confronti del congiungimento tra i due sessi, uno stato d’animo che lo … Tutti la cercano eppure nessuno sa dove si trovi o dove si possa trovarla. Capire cosa sia la felicità e avere una chiara idea di come essere felici non è semplice.. Esistono però degli strumenti in grado di aiutarci nella nostra ricerca della felicità.. Il punto però è: come fare a reggere un disagio accettandolo così stoicamente? La nostra vita dovrebbe essere concentrata prima di tutto sui nostri valori in cui crediamo e sulla pace interiore, intesa come conoscenza di … ( Chiudi sessione /  E ci sono tante occasioni di sofferenza. (obbligatorio), © 1999-2021 GEDI Gruppo Editoriale S.p.A. - Partita IVA 0090681006 - Pubblicità - Servizio clienti - Chi siamo, http://emozioni.blogautore.espresso.repubblica.it/2016/04/08/differenza-tra-bisogno-e-desiderio/, La psicologia può aiutare i cittadini. Una persona serena sa perfettamente che la felicità è un diritto, ma che essa ha i suoi tempi e le sue apparizioni. fallo! Sabato del villaggio - Commento Il Sabato del villaggio di Giacomo Leopardi, componimento del 1829 dai Grandi Idilli, è una riflessione sulla vita e, in particolare, sulla giovinezza. L’hai detto tu che è un verbo no? le formiche possono parlare?! Il disagio potrebbe essere proprio l’alert che qualcosa deve modificarsi nella nostra vita e quindi immaginarlo non come una catastrofe che ci è piombata addosso e dalla quale è difficile uscire, ma come una mappa alla quale mancano alcuni pezzi. Questo istante non esisterebbe se tu oggi non fossi qui e non avessi deciso di farmi queste domande, e non esisterebbe se io non ti avessi atteso e desiderato così a lungo. Mettiamola così, perché no? Spesso le persone che arrivano dallo psicologo affermano che la colpa dei loro problemi è dei genitori, del partner, del capo ufficio, della sfortuna… Tutto questo potrebbe anche essere vero, però è molto difficile risolvere un problema sperando che il capo o il nostro partner o i nostri genitori capiscano pienamente dove sbagliano e si correggano per il nostro bene, è molto più utile trovare dentro di sé gli strumenti per modificare alcuni aspetti della propria vita. Ma per fare questo sono necessari due elementi preliminari, un po’ come quando si affronta un viaggio e vi è la necessità di portarsi alcuni oggetti fondamentali. *José Alberto Mujica Cordano (Montevideo, 20 maggio 1935) è un politico uruguaiano, conosciuto pubblicamente come Pepe Mujica, senatore della repubblica e capo dello Stato dal 1º marzo 2010 al 1º marzo 2015. “…Prima che il vecchio, allora un giovane floricoltore, sparisse per tredici anni, avevano fatto l’amore con tutto quello che avevano in corpo, e, se due esseri umani sognano così intensamente la stessa cosa, soltanto un dio ingiusto può intromettersi e negargliela! François Cheng diceva che noi non possiamo possedere il tempo ma possiamo possedere l’istante. La speranza spiana la strada alla serenità, è la sua guida. 26 settembre 2014 Italiano Lascia un commento. ( Chiudi sessione /  Quindi non esistono formiche bugiarde? Schopenhauer ha sviluppato un concetto di felicità fondato sulla prudenza e sull’etica. Sua moglie aveva aspettato il tempo necessario, poi aveva capito che il suo bambino non era mai esistito dentro di lei ma soltanto in quei sogni che aveva in comune con lui; era una persona silenziosa, chiacchierava per ore e ore se era necessario, ma il migliore dei silenziosi non è proprio colui che pur parlando tanto non rivela nulla?”. E’ una parola lontana -lo spiego a mio figlio che mi chiede cosa tengo in tasca- viene dal greco dià (fra) e lògos (discorso, parola), discorso tra due o più persone… o, come dire, leggere qualcosa tra le parole. Qualche tempo fa ho letto i consigli di Papa Francesco (Papa che apprezzo tantissimo) che a proposito della felicità affermava: “Essere felici non è una fatalità del destino, ma una conquista per coloro che sono in grado viaggiare dentro il proprio essere.” Essere felici quindi vuol dire principalmente: smettere di sentirsi vittima dei problemi e diventare attore della propria storia. Non a caso il grande psicoanalista francese Jacques Lacan indicava proprio il contatto con il proprio desiderio come il fine ultimo di una buona psicoterapia. Per ulteriori informazioni clicca sul banner in basso "Privacy & Cookies". Forse la felicità è quel bambino che ti porti appresso su un carretto e sa sorridere anche quando resta solo. Non siamo soliti annettere alla serenità anche il dolore. Tutti noi sappiamo molto bene che lamentarci, essere impazienti verso ciò che c’è capitato non ci farà guarire e/o risollevare più velocemente dai nostri problemi, al contrario rallenterà il nostro cammino, spesso fino a fermarlo del tutto. Secondo il suo pensiero, la felicità ha molto più a che vedere con la pace interiore che non con l’esultanza o la gioia. clicca per acquistare, Libro illustrato per bambini da 6 anni, disponibile in e-book, Il mio libro di poesie illustrate per bambini da 0 a 99 anni. L'articolo invita alla riflessione, informando, invitando al confronto. Il corona virus spiegato ai miei figli adolescenti, Recensione al film Parasite - Lo spettro della povertà che irrompe nella vita dei ricchi, Blue my Mind - recensione psicologica del film. La Gloria! Gli studi sulla felicità si sono concentrati in massima parte sui fattori soggettivi su cui essa poggerebbe. Normalmente facciamo un altro uso di questa parola che adoperiamo sovente nelle espressioni augurali: “che la tua vita scorra serenamente”, “tanti giorni sereni”, eccetera. Modifica ), Mandami una notifica per nuovi articoli via e-mail. Il tuo articolo è nella sua semplice profondità molto illuminante ...fa capire dove sta la strada...tutte le volte che l'abbiamo imboccata in modo buono e giusto e anche quando l'abbiamo persa. Certo, a volte gridano, e dicono sempre la verità, non hanno alcuna ragione per mentire. Il secondo aspetto che ho citato all’inizio è legato alla possibilità, devo dire un po’ più complessa, di immaginare che nelle avversità ci sia sempre un disegno più grande e che, all’interno di questo disegno, progetto, il problema attuale potrebbe essere una snodo dal quale ripartire. Certo, rispose il ragazzo. Testo argomentativo sulla felicità. E intendiamo con ciò invocare per quella persona giornate e sentimenti vissuti nella quiete e nella consapevolezza. Si sta quasi estinguendo. Coltivano l’istante. Valentina Meloni. Tutte le citazioni sono tratte dal Breve dialogo sulla felicità distribuito gratuitamente nelle scuole. E' molto difficile, probabilmente impossibile, rispondere in modo sufficientemente accurato a tali quesiti. L’unica pecca sta nel fatto che alcuni concetti importanti non vengono ripetuti e restano “isolati” solo in alcune scene. ... Ogni volta che postate un sorriso, un commento, una fotografia, un complimento, mi date una piccola dose di allegria ed entusiasmo per portare avanti il progetto.