ELENCO CORSI. 42 del DPR 616/1977 e dall’art. stream l’obbligo per gli enti locali di fornire l’assistenza per l’autonomia e la comunicazione personale degli alunni con handicap fisici e sensoriali, sono garantite attività di sostegno mediante l’assegnazione di docenti specializzati”. 31 del decreto legislativo 18 aprile 2016, n. … Recherche-action sur les apprentissages plurilingues: quelques observables en vue d'activités de documentation et de formation Federazione Italiana Rete Sostegno e Tutela diritti delle persone con disabilità già Rete dei 65 movimenti! Il TAR Sicilia ordina all’Università lo svolgimento delle prove suppletive, Sport e “distanze”: un valore universale anche in piena emergenza, False dichiarazioni ed accesso al pubblico impiego, Sul vaccino anticovid in ambiente di lavoro. Ciascun disabile è coinvolto in un processo di riabilitazione finalizzato ad un suo completo inserimento nella società; processo all’interno del quale l’istruzione e l’integrazione scolastica rivestono un ruolo di primo piano”. <> Ed eccoci alla seconda tappa del nostro viaggio nella scuola alla scoperta delle figure professionali che lavorano con gli studenti sordi. La figura dell'assistente per l'autonomia e la comunicazione (assistente ad personam) è prevista dall' articolo 13 comma 3 della legge 5 febbraio 1992 n. 104 e … L’Assistente all’Autonomia e alla Comunicazione dei Disabili è una figura professionale che nasce dalla Legge n. 104/92, che prevede l’obbligo, per gli Enti locali, di garantire il diritto all’educazione e all’istruzione delle persone diversamente abili attraverso personale specializzato nelle … La figura professionale dell'assistente alla comunicazione e per l'autonomia personale è prevista dall'art. Twitter. L’assistenza di base, di competenza della scuola, va intesa come il primo segmento della più articolata assistenza all’autonomia e alla comunicazione personale prevista dall’art.13, comma 3, della Legge 104/1992”. Vittorie ANIEF presso i TAR e piena tutela del diritto all’istruzione e all’integrazione, Sospensione / riduzione delle rette scolastiche delle scuole paritarie durante il «coronavirus» ed effetti della cassa integrazione, O.M. Per molti di questi alunni l’integrazione abbisogna di cure che non solo esauribili solamente nel piccolo contesto gruppo-classe e perciò realizzate esclusivamente dall’insegnante di sostegno e dai docenti curricolari; si ravvisa infatti la necessità di interventi compensativi e aggiuntivi di altre figure che diventano quindi complementari e ausiliari all’integrazione dell’alunno in questione. 13 della legge n. 104/92 e l'art. L’assistente all’autonomia e alla comunicazione nella legislazione vigente Chiarito quanto sopra, affrontiamo il tema dell’assistente all’autonomia e alla comunicazione. ore x assistente 157 LA DIRIGENTE SCOLASTICA VISTO il DPR 275/99 VISTO l’art. 33 Legge n. 104/1992, Formazione professionale, escluso dall’albo perché sotto processo. L’assistente all’autonomia e alla comunicazione nella legislazione vigente Chiarito quanto sopra, affrontiamo il tema dell’assistente all’autonomia e alla comunicazione. Tuttavia, come è ben risaputo, la piena integrazione di un alunno disabile, in specie se grave, non può essere affare specifico e limitato all’azione esclusiva di pochi soggetti, visto che la normativa sui diritti delle persone handicappate, Legge quadro n.104 del 1992, all’art.13, rubricato “Integrazione scolastica”, menziona in modo del tutto apodittico, altre figure specialistiche che fanno da sfondo e completano le attività e le azioni inerenti il processo di integrazione degli alunni disabili. -Vela por el cumplimiento de la normativa de seguridad e higiene. CONDIVIDI. assistenti 3 Nr. Al Dirigente Scolastico del Liceo Classico Statale “G. 36 del Dlgs 50/2006; “Assistente all’autonomia e alla comunicazione ... Dovrà essere garantito il rispetto della normativa in tema di riservatezza dei dati e del disposto del D.Lgs. TEMA n. 6 Una normativa nazionale per gli Assistenti specialistici, alla comunicazione, di base e l’AEC (punto n. 11 della petizione) Riconoscere e chiarire a livello normativo nazionale la figura dell'Assistente Specialistico, il così detto assistente alla comunicazione, assistente LIS, assistente Tiflologo e tutte le altre figure che attualmente ruotano intorno all’inclusione. !F� ��BB^�ﳈ ���C�ݩ��p�0�t�d�P�D�q�gj�g Non vi è dubbio che l’obbligatorietà della presenza di tale figura non lasci  adito, come spesso accade, a nessuna manchevolezza da parte dell’ente locale, in quanto l’integrazione degli alunni disabili non può soffrire di tagli e restrizioni di alcun genere. L’assistente alla comunicazione (chiamato anche AsCo) è una figura professionale specializzata, riconosciuta dalla Legge 104 del 05/02/1992. Di tutt’altra natura è al contrario l’azione richiesta all’assistente all’igiene (assistente di base), che come sottolineato nella sentenza n.9926 sopra richiamata, è di competenza del Ministero dell’Istruzione e ha il compito di “occuparsi dei bisogni del minore quali ad esempio portarlo nel bagno, aiutarlo durante i pasti eccetera”. Analisi della normativa, della giurisprudenza e della legislazione al fine di fornire interpretazioni, Rimozione del nuovo “vincolo quinquennale alla mobilità dei docenti” – Dall’emendamento politico per l’abolizione ai profili di costituzionalità. Area Personale. DAMIANO DE PAOLA. Circolari e Avvisi Formazione Docenti Codice disciplinare Piano annuale Curriculum vitae Docenti Curriculum vitae ATA Scuola. Peraltro tale figura addizionale è prevista nel comma 3 dell’art.13 “Integrazione scolastica”, della Legge 104 “nelle scuole di ogni ordine e grado, fermo restando, ai sensi del Decreto del Presidente della Repubblica 24 luglio 1077, n.616, e successive modificazioni, l’obbligo per gli enti locali di fornire l’assistenza per l’autonomia e la comunicazione personale degli alunni con handicap fisici e sensoriali, sono garantite attività di sostegno mediante l’assegnazione di docenti specializzati”. Posso governare la comunicazione scegliendo di intervenire, punteggiandola con il significato proprio dei segni di punteggiatura o d'interpunzione , che servono a conferire tonalità ed espressione allo scritto . Per ognuna di esse è necessario, pertanto, individuare meccanismi di rimozione degli ostacoli che tengano conto della tipologia di handicap da cui risulti essere affetta in concreto una persona. 13 comma 3 Legge 104/92. Parliamo dell'assistente alla comunicazione, figura intorno a cui manca ancora un'informazione corretta, che spesso i genitori confondo con l'insegnante di sostegno. Assistente alla comunicazione (Minorati di vista), il cui compenso orario omnicomprensivo è di Euro 25,00 per n. 15 ore settimanali; ... normativa connessa. Volendo quindi agganciare l’affermazione della sentenza, secondo cui i disabili non compongono un gruppo compatto ma esistono come unità esprimenti oltretutto specifiche caratteristiche psichiche, fisiche o sensoriali, non cumulabili all’interno di un’unica categoria, viene del tutto naturale collegare il concetto di peculiarità e differenza di ogni disabilità con il principio stesso della diversificazione nell’integrazione, quale emerge appunto dalle diverse esigenze manifestate da ogni soggetto disabile. 42-45 del D.P.R. L’assistente all’autonomia ed alla comunicazione dei disabili facilita l’integrazione scolastica dell’alunno con disabilità nell’ambito delle attività didattiche, stimolando l’autonomia e la socializzazione con il gruppo classe al fine di potenziare le loro relazioni, migliorare l’apprendimento, la vita di relazione e … Santo Botta) Tar Sicilia – Ordinanza n. 39-2021 del 15.01.21, (D.S. Stabilizzare gli assistenti all’autonomia e alla comunicazione dentro il MIUR . AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI ASSISTENTE ALLA COMUNICAZIONE NELLA SCUOLA PRIMARIA DEL COMUNE DI FILADELFIA Somma stanziata 6.615,68 Costo orario € 14,00 Totale ore 472,54 Nr. Presentate le misure di sicurezza per la Maturità, Modalità di costituzione e di nomina delle commissioni dell’esame di Stato conclusivo del secondo ciclo di istruzione per l’anno scolastico 2019/2020, Emergenza coronavirus, pubblicato il Decreto scuola, Dirigenti Scolastici che usufruiscono dei benefici ex art. Di. alla comunicazione per alunni sordi o ipoacusici ai fini di una piena inclusione degli stessi e in quanto tale servizio deve coprire l’intero a.s. 2018/19; VISTA la legge n.228 del 24.12.2012, art.1, commi 14 lettera b), 150,154 e 158, ai sensi della quale è fatto L’assistente per l’autonomia o la comunicazione, chiamato a fornire un supporto aggiuntivo, ha difatti il compito di facilitare, in sinergia con l’insegnante di sostegno e gli altri docenti della classe, il processo relazionale e partecipativo dell’alunno disabile durante le attività scolastiche. Giuseppe Buonanno) Tar Lazio – Ordinanza n. 137-2021 del 13.01.2021, (Avv. NORMATIVA DI RIFERIMENTO - La figura nasce dall'art. ACQUISTALO ADESSO. %PDF-1.4 Buongiorno, sono la mamma di una ragazza disabile 100% con L. 104 art. Gli operatori addetti al servizio, saranno tenuti alla tutela della privacy dei soggetti assistiti. Corso professionale ASACOM Assistente all’autonomia e alla comunicazione Percorso di formazione per imparare a svolgere uno dei lavori più richiesti del momento e maturare i titoli necessari per iniziare a lavorare. L’INTERCOMPRÉHENSION Ce numéro spécial sur l’intercompréhension a pour ambition de faire connaître au public brésilien des approches nouvelles dans l’enseignement des langues, des communications originales et précieuses dans cette époque de Vista la normativa vigente, in particolare l'art. Per quanto non previsto si fa riferimento alla vigente normativa nazionale e comunitaria Ai sensi dell’art. L’azione funzionale all’integrazione svolta dal collaboratore scolastico è stata anche messa in rilievo da una Nota ministeriale del 30 novembre 2001 n.3390 nella parte in cui si afferma che “l’assistenza di base agli alunni disabili è parte fondamentale del processo di integrazione scolastica e la sua concreta attuazione contribuisce a realizzare il diritto allo studio costituzionalmente garantito. In quest’ultimo passo della nota rileviamo quindi che le due figure, assistente per l’autonomia e per la comunicazione e assistente all’igiene non sono figure cumulabili o interscambiabili, ma al contrario rivestono specifiche funzioni professionali, concorrenti tutte alla piena integrazione dell’alunno disabile. Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviare pubblicità e servizi in linea con le preferenze dell’utente. Al perseguimento di simile interesse partecipano con lo Stato, gli enti locali minori e le Regioni, nel quadro dei principi posti dalla legge e secondo le modalità ed i limiti necessari ad assicurare l’effettivo soddisfacimento dell’interesse medesimo”. F.I.R.S.T. Se vuoi saperne di più o negare il consenso ai cookie, consulta l’informativa. Assistente all’autonomia e alla comunicazione. 2 0 obj Tale mansione rientra nel profilo del personale ATA, così come definito nel CCNL vigente, Tabella A, Area A del collaboratore scolastico, il quale “esegue, nell’ambito di specifiche istruzioni e con responsabilità connessa alla corretta esecuzione del proprio lavoro, attività caratterizzata da procedure ben definite che richiedono preparazione non specialistica (…). L’assistente all’autonomia ed alla comunicazione nella legislazione vigente. Paola Esposito), (Avv.ti Aldo Esposito e Ciro Santonicola), assistente per l’autonomia e la comunicazione. Il nostro viaggio alla scoperta delle figure professionali che nella scuola lavorano fianco a fianco con le persone sorde continua. In quest’ultimo passo della nota rileviamo quindi che le due figure, assistente per l’autonomia e per la comunicazione e assistente all’igiene non sono figure cumulabili o interscambiabili, ma al contrario rivestono specifiche funzioni professionali, concorrenti tutte alla piena integrazione dell’alunno disabile. Corso ASACOM - Assistente all'autonomia e alla comunicazione delle persone con disabilità. E’ fuor di dubbio che l’integrazione per essere tale, senza chi vi siano limiti di sorta, debba però assumere sempre un carattere onnicomprensivo delle differenti peculiarità e dinamiche, legate proprio alla natura del soggetto disabile in questione, non potendosi limitare dunque ad una integrazione parziale. L’assistente all’autonomia ed alla comunicazione dei disabili facilita l’integrazione scolastica dell’alunno con disabilità nell’ambito delle attività didattiche, stimolando l’autonomia e la socializzazione con il gruppo classe al fine di potenziare le loro relazioni, migliorare l’apprendimento, la vita di relazione e supportare la partecipazione alle diverse attività. BANDO PER L'INDIVIDUAZIONE DI UN ASSISTENTE ALL'AUTONOMIA E ALLA COMUNICAZIONE. �v5U��Hj`-x� Eh 刼�C�ߐ]�]�G3��|'!oTNN4�F�U�� �,�s>a>�"9�G. Esther de Gennaro è un’assistente specialistica all’autonomia e alla comunicazione [d’ora in poi quasi sempre ASACOM, N.d.R. Il TAR riammette operatore della formazione professionale, Ordinanza del Tar Lazio, sessioni suppletive per chi posto in quarantena e non ha potuto partecipare al concorso straordinario 2020, I docenti impossibilitati a causa del covid hanno diritto alle prove suppletive, anche per il TFA sostegno, Covid, esclusa dal concorso perché in isolamento obbligatorio. 196/2003. Un’assistente all’autonomia e alla comunicazione insieme a due bimbi. Con decreto n. 5630 del 19 luglio 2017, l’Assessore per l’istruzione e la formazione professionale ha approvato il profilo di “Assistente all’autonomia e alla comunicazione dei disabili” nel Repertorio delle Qualificazioni della Regione siciliana con la relativa Scheda corso. Gradirei capire esattamente i compiti degli assistente alla persona che credo siano le stesse figure degli assistenti educativi e alla comunicazione. Nota ministeriale del 30 novembre 2001 n.3390. E’ interessante richiamare un passo della nota Sentenza della Corte Costituzionale n.80 del 2010, nella parte in cui si precisa un assunto a sostegno delle caratteristiche afferenti ogni diversa disabilità; si legge che “i disabili non costituiscono un gruppo omogeneo. Pubblicato da webmaster il 17 Gennaio 2021 17 Gennaio 2021. A seguito del superamento dell’esame finale, a cui saranno ammessi solo gli allievi che hanno frequentato almeno il 70% delle ore previste, sarà rilasciata l’attestato di specializzazione di “Assistente all’autonomia e alla comunicazione“, livello 4 EQF. L’Assistente all’Autonomia e alla Comunicazione dei Disabili è una figura professionale che nasce dalla Legge n. 104/92, che prevede l’obbligo, per gli enti locali, di garantire il diritto all’educazione e all’istruzione delle persone diversamente abili attraverso personale specializzato nelle scuole di ogni ordine e grado. Più chiaramente ci si riferisce all’assistente per l’autonomia e la comunicazione e all’assistente igienico-personale (altrimenti detto assistente di base) i quali come è stato lautamente affermato in un sentenza del Tar del Lazio n.9926 del 2007, contribuiscono a far vivere meglio all’alunno disabile “la quotidianità della scuola” perché come sottolinea più avanti il testo della stessa sentenza, ciascuna di queste figure ha “un ruolo completamente diverso e complementare”, ma pur sempre di aiuto alla piena e fattiva integrazione dell’alunno disabile. a). Il TAR Calabria con la Sentenza n° 438 del 23 Maggio 2012, pubblicata il 21 Giugno 2012, ha fornito chiarimenti importanti circa l’obbligo degli Enti Locali a fornire gli assistenti per l’autonomia e la comunicazione di cui all’art. Il Corso per Assistente alla comunicazione – figura professionale prevista dalla Legge quadro sull’handicap 104/92 – consente di acquisire abilità e competenze che permetteranno di ricoprire un ruolo da mediatore rispetto alla comunicazione e alle relazioni tra l’alunno disabile sensoriale, la classe e i docenti. Tra queste figure è da annoverare quella dell’Assistente per l’Autonomia e la Comunicazione, prevista dall’art. La stessa Nota 3390/2001 ribadisce che “rimane all’ente locale il compito di fornire l’assistenza specialistica da svolgersi con personale qualificato sia all’interno che all’esterno della scuola, (Protocollo d’Intesa del 13/09/2001) come secondo segmento della più articolata assistenza all’autonomia e alla comunicazione personale prevista dall’art.13, comma 3, della Legge 104/1992, a carico degli stessi enti. Si tratta di figure quali, a puro titolo esemplificativo, l’educatore professionale, l’assistente educativo, il traduttore del linguaggio dei segni o il personale paramedico e psico-sociale (proveniente dall’ASL), che svolgono assistenza specialistica nei casi di particolari deficit”. x��[K���ϯ賁��!R0h��jr30@Fn�I�����b=XEJꞅ��^=(�Xϯ�h��/�{���]\�9}��4������o���7)~��[��e��G���-��#�ݿ.t�rS��k����~���L�|��4��qt0��o�?m�V�|��˧������}�t�\�w�M����u���5�����ڌ�]��|ǹ�g��0�W�x������o�����M��c�H��� Z�çw�����\�U�#�]��� ��x}��>_�$?��^$d/�l���Օ�d�y��+ p��\�,$=�z�S���\��aHp3(S��RG���D��ۂ���=o�M�3�a�w6��wab m(�CĔˆN��s(DL��e�0�p��EY�THZ?��5�E�'~�4���a'P�ʰ�@�Cz�W�9����?�����t�@p�� �Tfa7��t� ����Ia��S&�ž��\i��I3�>���3��;m������F��n�Q��u?��ЈW>M�v�ɾ�-"l��#��li�P��Ja .=��t�PL�g+�Z��O(1YD����n>�'�x�o�+L� 8�fz�_>��Hj���д@@�^�5^RJb3A� ��`U�@.�\_ߧ��2��.t%8f:�y��J��� �=Yxd��Qf��x(�p��o�{�N��pY�gfj��+���\���P4V���6���[���F;25'[��XT��30�V�]���CZ&. Santo Botta) Tar Sicilia – Ordinanza n. 85-2021 del 29.01.21, (Avv. IL DIRIGENTE SCOLASTICO. Presta ausilio materiale agli alunni portatori di handicap nell’accesso dalle aree esterne alle strutture scolastiche, all’interno e nell’uscita da esse, nonché nell’uso del servizi igienici e nella cura dell’igiene personale anche con riferimento alle attività previste dall’art.47”. Proseguendo con la navigazione acconsenti all’uso dei cookie -, Sentenza della Corte Costituzionale n.80 del 2010, Circolare Ministeriale n. 192 del 03-07-1980, Dovere di esclusività del pubblico dipendente, Covid, scuola e malattia: guida veloce per i docenti precari, Scuole paritarie, valutazione del servizio prestato ed omissioni contributive, Il Decreto Scuola è legge, approvato in via definitiva alla Camera, Scuola, pubblicate le Ordinanze su Esami di Stato e valutazione. 42 del DPR 616/1977 ... la corretta lettura delle norme ha consentito la diffusione dell'assistente all'autonomia e alla comunicazione anche in presenza di altre tipologie di significativa disabilità . Giuseppe Versace) Tribunale di Prato – Sentenza del 27.01.2021, (Avv. Visualizza il profilo di Gabriele Dal Colle su LinkedIn, la più grande comunità professionale al mondo. Asacom Assistente all'autonomia e alla comunicazione per disabili profili e normativa per la figura professionale nel settore scolastico Tel: 0941 702793 Mail: esfo.sagata@gmail.com HOME Tar Palermo: riconosciuto il diritto alla piena assistenza dei minori disabili, Sostegno – Miur travolto a Roma dall’Anief e condannato per responsabilità aggravata nei confronti degli alunni disabili, Diritto alla assistenza igienica degli alunni diversamente abili, Sostegno, non un’ora di meno! Ed eccoci alla seconda tappa del nostro viaggio nella scuola alla scoperta delle figure professionali che lavorano con gli studenti sordi. L'assistente alla comunicazione è previsto dalla Legge 104/1992 che obbliga gli enti locali a fornire questo tipo di assistenza, che non è diretta solo agli studenti con disabilità di comunicazione ma a tutte le tipologie di disabilità . Vi sono, infatti, forme diverse di disabilità: alcune hanno un carattere lieve ed altre gravi. Esso è previsto dai seguenti atti normativi: – Articoli 42-45 del Decreto del Presidente della Repubblica (DPR) 24 luglio 1977, n. 616. Appare del tutto infondata e irragionevole l’ipotesi di esautorare un alunno disabile dei suoi diritti costituzionalmente garantiti, tutelati sia dal nostro ordinamento sia da quello internazionale (in caso di inottemperanza infatti, i genitori dell’alunno possono adire la via giudiziaria). Assistente alla comunicazione per complessive ore 144; Assistente alla comunicazione per complessive ore 156; Assistente alla comunicazione per complessive ore 168 omnicomprensivo di ogni onere fiscale e contributivo previsto dalla vigente normativa, nei limiti dell 'effettiva assegnazione del contributo ricevuto dalla Regione Calabria. BANDO PER L'INDIVIDUAZIONE DI UN ASSISTENTE ALL'AUTONOMIA E ALLA COMUNICAZIONE . Gianfranco Nunziata) Tar Lazio – Ordinanza n. 495-2021 del 27.01.2021, (Avv. %äüöß Il suo principale ruolo è quello di fare da intermediario tra le famiglie e gli altri professionisti socio-sanitari e del corpo insegnanti. hiarito quanto sopra, affrontiamo il tema dell’assistente all’autonomia ed alla comunicazione. 36 comma 2 D.Lgs. Stampa BANDO PER L'INDIVIDUAZIONE DI UN ASSISTENTE ALL'AUTONOMIA E ALLA COMUNICAZIONE. Allegati: Allegato 1- Domanda Esperti _4_.pdf [ ] 74 kB: BANDOASSISTENTEALL'AUTONOMIA.pdf [ ] 44 kB : Scheda autodichiarazione titoli e punteggi esperti esterni Allegato n.2.pdf [ ] 32 kB: Albo-Trasparenza. e il personale scolastico interno (personale ATA suddetto), con compiti di assistenza di base sia investito formalmente di tali funzioni aggiuntive che non possono in nessun modo essere disattese o lasciate all’arbitrarietà delle quotidiane necessità della vita scolastica, perché un mancato rispetto di tali prerogative, lesivo dei diritti e degli interessi spettanti all’alunno disabile può trasformarsi in una vera e propria azione giudiziaria contro tale inadempimento. Assistente all'autonomia e alla comunicazione delle persone con disabilità, anche conosciuta come “Assistente Educativo” ... alunno con disabilità durante le attività scolastiche nell’ambito della più articolata assistenza all’autonomia e alla comunicazione personale, prevista dall’art. Nelle scuole capita spesso che l’integrazione degli alunni disabili sia vissuta e realizzata in via prioritaria solo per mezzo della figura dell’insegnante di sostegno, che insieme agli altri docenti curriculari della classe, diventa nello stesso tempo uno dei co-autori e realizzatori del Piano Educativo Individualizzato. Menu. Esso è previsto dai seguenti atti normativi: Artt. Ci sono responsabilità in capo ai dirigenti scolastici, i quali devono attivarsi tempestivamente, nel caso in cui la figura dell’assistente per l’autonomia e la comunicazione sia prevista nella certificazione della disabilità dell’alunno, affinché l’ente locale non risulti inadempiente e il personale scolastico interno (personale ATA suddetto), con compiti di assistenza di base sia investito formalmente di tali funzioni aggiuntive che non possono in nessun modo essere disattese o lasciate all’arbitrarietà delle quotidiane necessità della vita scolastica, perché un mancato rispetto di tali prerogative, lesivo dei diritti e degli interessi spettanti all’alunno disabile può trasformarsi in una vera e propria azione giudiziaria contro tale inadempimento. L’assistente alla comunicazione, figura professionale prevista dalla Legge 104/92 art.13, è un operatore socio-educativo che affianca lo studente disabile sensoriale con funzione di mediatore e di facilitatore della comunicazione, dell’apprendimento, dell’integrazione e della relazione tra l’alunno, la famiglia, la classe, i docenti e i servizi specialistici. Guarda il profilo completo su LinkedIn e scopri i collegamenti di Gabriele e le offerte di lavoro presso aziende simili. L’Assistente all’Autonomia e alla Comunicazione dei Disabili è una figura professionale che nasce dalla Legge n. 104/92, che prevede l’obbligo, per gli enti locali, di garantire il diritto all’educazione e all’istruzione delle persone diversamente abili attraverso personale specializzato nelle scuole di ogni ordine e grado. IL DIRIGENTE SCOLASTICO VISTO il D. Lgs. Assistente Educativo - 1.129 views Pubblicazione SHORT LIST – ASSISTENTE EDUCATIVO ed ASSISTENTE ALLA COMUNICAZIONE - 1.028 views Imprenditore Agricolo Professionale - 1.027 views 13 comma 3 della Legge 104/92 che ribadisce l'obbligo "per gli enti locali di fornire l'assistenza per l'autonomia e la comunicazione personale degli alunni con handicap fisici e sensoriali". Rapportato alla comunicazione didattica riguarda la “risposta” data da uno dei due interlocutori. L’Assistente per l’autonomia e la comunicazione - Riservato ad uso interno del gruppo di lavoro - Parlare dell’Assistente per l’autonomia e la comunicazione, conosciuto anche con la più breve locuzione “assistente alla comunicazione” ma anche con l’acronimo “AEC”, non è un Gabriele ha indicato 2 esperienze lavorative sul suo profilo. n.50/2016). Maria Rosa Valente Prof. Avv. Esso è previsto dai seguenti atti normativi: – Articoli 42-45 del Decreto del Presidente della Repubblica (DPR) 24 luglio 1977, n. 616. I lettori ci scrivono - 06/01/2020. Parliamo dell'assistente alla comunicazione, figura intorno a cui manca ancora un'informazione corretta, che spesso i genitori confondo con l'insegnante di sostegno. 42 del DPR 616/1977 e dall’art. N. 1 ASSISTENTE ALL'AUTONOMIA ED ALLA COMUNICAZIONE PER NON UDENTI. Facebook. TEMA n. 6 Una normativa nazionale per gli Assistenti specialistici, alla comunicazione, di base e l’AEC (punto n. 11 della petizione) Riconoscere e chiarire a livello normativo nazionale la figura dell'Assistente Specialistico, il così detto assistente alla comunicazione, assistente LIS, assistente – Articolo 13, comma 3 della Legge 104/92. OGGETTO: Determinazione a contrarre per la fornitura del servizio di assistenza alla comunicazione rivolto ad alunni sordi o con deficit uditivi tramite la procedura di affidamento diretto – sottosoglia (art. Chatta con un operatore. Si ricorda infine la Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità, adottata dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite il 13 dicembre 2006, che ha riconosciuto “il diritto delle persone disabili all’istruzione, diritto che occorre garantire anche attraverso un “accomodamento ragionevole in funzione dei bisogni di ciascuno”. 3 c. 3, la disabilità più importante è quella motoria, la ragazza non deambula. Cerca. Tra queste figure è da annoverare quella dell’Assistente per l’Autonomia e la Comunicazione, prevista dall’art. Il DLGS 66 del 2017, all’art. Tuttavia quello che si rileva oggi in molte contesti scolastici è il venir meno di queste due figure professionali, incaricate di svolgere tali specifici compiti legati all’integrazione scolastica. L’assistente per l’autonomia o la comunicazione, chiamato a fornire un supporto aggiuntivo, ha difatti il compito di facilitare, in sinergia con l’insegnante di sostegno e gli altri docenti della classe, il processo relazionale e partecipativo dell’alunno disabile durante le attività scolastiche. La Corte Costituzionale con sentenza del 21-29 ottobre del 1992,  n.406, a proposito della Legge 104 si è così espressa “il suo complessivo disegno è fondato sulla esigenza di perseguire un evidente interesse nazionale, stringente ed infrazionabile, quale è quello di garantire in tutto il territorio nazionale un livello uniforme di realizzazione di diritti costituzionali fondamentali di soggetti portatori di handicaps. N. 1 ASSISTENTE ALL'AUTONOMIA ED ALLA COMUNICAZIONE. Da Fiore” 87036 Rende (CS) Il/la sottoscritto/a nato/a prov.